Gambe pesanti e problemi circolatori… Cause e Rimedi

Durante la giornata può capitare di stare in piedi per molte ore, oppure il contrario, di rimanere seduti per lunghi periodi. Entrambi i casi possono causare una diminuzione della capacità di drenaggio di liquidi delle parti più periferiche del nostro corpo; di conseguenza, si iniziano ad avvertire i sintomi di dolore, gonfiore e stanchezza, degli arti inferiori.
Il meccanismo responsabile del ritorno venoso è complesso, ma per semplificare si può dire che la forza di gravità del sangue e la pressione generata da un aumento del peso addominale, possono rendere difficile il ritorno del sangue al cuore quando si sta a lungo fermi in posizione eretta oppure seduti con le gambe accavallate.
Con l’aumento del ristagno sanguigno nelle vie periferiche, i tessuti saranno meno ossigenati: questo causerà un’alterazione del normale stato fisiologico del microcircolo, impedendo il rilascio di nutrienti ai tessuti, favorendo invece l’accumulo di materiali di scarto nei tessuti.

Per la sua estensione, la pelle è l’organo che contiene in assoluto la maggior quantità di piccoli vasi sanguigni e di conseguenza è ilprincipale organo bersaglio del ristagno micro-circolatorio.

La cellulite fibrosa o edematosa è una vera e propria patologia che inizia con un ristagno di liquidi anche nel tessuto sottocutaneo, con una ridotta ossigenazione tissutale ed un accumulo di grasso e acqua nelle cellule, per poi evolvere con la formazione di macro-noduli spesso anche dolorosi.I disturbi del microcircolo venoso sono più frequenti nella donna che nell’uomo, anche se l’incidenza negli uomini aumenta con l’avanzare dell’età. È comunque molto probabile che l’ereditarietà genetica sia il più importante fattore di rischio.
Esistono poi dei fattori che possono favorire l’insorgenza dei disturbi micro-circolatori. Tra questi ricordiamo:

  • La postura: sedentarietà o rimanere a lungo in piedi
  • L’obesità
  • Gli stili di vita sbagliati (es. una dieta non bilanciata, il fumo, bevande gasate o alcoliche)
  • La gravidanza
  • L’uso di contraccettivi orali
  • Eventuali precedenti trombosi venose.

E’ innanzitutto importante osservare uno stile di vita sano, adottando abitudini che minimizzino i fattori di rischio che abbiamo descritto, e evitando comportamenti che li possano favorire. Potrebbe aiutare:

  • Svolgere un’attività sportiva adeguata.
  • Utilizzare abiti non troppo stretti, né tacchi troppo alti
  • Non aumentare troppo di peso (effetto yo-yo)
  • Seguire una dieta ricca di fibre
  • Non fumare

Dal punto di vista estetico, si può ricorrere ad una terapia integrativa a base di principi
attivi che prevengono la formazione di edemi e che svolgono un’azione protettiva sulle pareti dei vasi sanguigni. Sono numerose le piante officinali che

hanno dimostrato efficacia nel trattamento delle insufficienze venose. In realtà i fitocomplessi (ovvero miscele di principi attivi e componenti delle piante da cui derivano) agiscono in modo sinergico determinando un effetto benefico nel loro insieme.

Tra le erbe officinali che si possono utilizzare quando gonfiano le caviglie o si comincia a sentire un po’ di pesantezza delle gambe va ricordata l’ edera come una pianta antinfiammatoria e antimicrobica che aiuta a migliorare la circolazione periferica ed il drenaggio linfatico in modo tale da ridurre gonfiore ed edema. Anche Menta, mentolo e rosmarino, hanno rispettivamente effetto rinfrescante, antinfiammatorio e antiossidante, componenti essenziali per alleviare la sensazione di pesantezza e di gonfiore localizzato nella zona delle caviglie e della gamba in genere.

Un trattamento topico sicuramente può dare sollievo immediato. Sul mercato esistono tanti prodotti specialistici come il GELOGEL Dermonature che è composto da tutti questi attivi ed è un gel fresco, leggero, di facile applicazione. La sua applicazione contribuirà a migliorare la fragilità capillare, la microcircolazione sanguigna periferica favorendo il drenaggio linfatico, con conseguente sensazione di benessere per gambe soggette a gonfiori e problemi circolatori. Ottimo per chi sta a lungo in piedi e per chi fa sport; per chi avverte pesantezza e affaticamento agli arti inferiori; per chi soffre di vene varicose. Adatto anche in gravidanza. Si applica facilmente massaggiando la gamba dal basso verso l’alto.

Per un effetto ICE e più immediato si può utilizzare con i bendaggi freddi.

I bendaggi freddi con il GELOGEL di Dermonature favoriscono un’azione di linfodrenaggio, contrastano la vasodilatazione e sono utilizzati principalmente per ridurre il gonfiore e la pesantezza degli arti inferiori. Migliorano il sistema circolatorio, linfatico e il metabolismo. Sono utilizzati inoltre come rassodanti.

Per intervenire in maniera efficace sulla problematica di un ritorno venoso insufficiente occorre agire partendo dalla causa, riportando in equilibrio l’organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website